Firenze a ritmo Jazz col Fringe Festival

Firenze Jazz Fringe Festival

Firenze Jazz Fringe Festival

Pare che il quartiere più cool al mondo si sia affezionato al ‘titolo’ appena ricevuto e ci tenga a mantenerlo. E se calcisticamente Torino è abituata a sottrarre talenti a Firenze, in questo caso il ‘colpo di mercato’ lo fa l’Estate Fiorentina che si aggiudica il Firenze Jazz Fringe Festival. Un’invasione di musica che scorrerà dal 13 al 17 settembre nelle piazze e negli spazi dell’Oltrarno con performance musicali gratuite.

Un festival diffuso, capace di coinvolgere 21 luoghi della città e oltre 200 artisti che daranno vita a più di 50 performance esclusive per riscoprire l’originalità della musica grazie anche a nuove produzioni e progetti speciali con artisti di fama internazionale.

Si parte subito alla grande nella I edizione del Festival, una manifestazione innovativa e coinvolgente che parte dalla forza espressiva di musicisti del calibro di Bojan Z, Giovanni Falzone, Gianluca Petrella e Gavino Murgia.
Il fiume sarà il filo conduttore del FJFF che animerà le sponde dell’Arno creando un vero e proprio percorso nel quartiere.

Piazza Santo Spirito ospiterà spettacoli delle migliori marching band in circolazione, con performance dalle 19.00, la musica prenderà vita nei locali, nelle piazze, nelle chiese e nei musei fino al fiume, dove, alle 21.00, simbolo di questo festival diffuso, si presenterà Music on the river: su una zattera sull’Arno all’altezza di Ponte Vecchio si presenteranno ogni giorno gli assoli degli alfieri del jazz nostrano: Gavino Murgia (14/9), Francesco Bearzatti (15/9), Achille Succi (16/9) e Giovanni Falzone (17/9), per spostarsi alle 22.15 alla spiaggia sull’Arno dove svetteranno le Night Towers: 3 torri alte 8 metri saranno poste a 21 metri di distanza l’una dall’altra e ognuna ospiterà un musicista delle band composte da 3 elementi. Questo allestimento rivoluziona il vecchio concetto di palco frontale, per mettere al centro della performance il pubblico, una proposta innovativa che genera nuove prospettive fra musicisti e spettatori. Con le torri che definiscono un triangolo equilatero in pianta, lo spettatore al centro e i musicisti attorno, la figura geometrica perfetta permette al pubblico di usufruire di un suono avvolgente, con l’utilizzo di impianti di nuova generazione. Soluzioni simili hanno radici profonde nella storia della musica: se si pensa che lo stesso Stonehenge è risultato essere un luogo dove si ascoltava al centro la musica prodotta dalle pietre in era preistorica, così le Night Towers ospiteranno concerti unici e di grande originalità.

Info e programma su www.fjff.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...