‎David Hockney dalla Royal Academy al Pecci

‎David Hockney dalla Royal Academy of art al Pecci

‎David Hockney dalla Royal Academy of art al Pecci

Il 30 e 31 gennaio David Hockney dalla Royal Academy of Arts al Pecci di Prato.

Il docufilm (Gbr, 2017; di Phil Grabsky; 90′; vers.it.) racconta le due grandi mostre dedicate all’artista negli ultimi cinque anni dalla Royal Academy of Arts di Londra. David Hockney – uno degli artisti britannici più famosi al mondo – ha un rapporto unico con la Royal Academy ( di cui è membro dal 1991) per i cui spazi realizza le due mostre ad hoc, trasformandole in due eventi spettacolari. Le sue esposizioni a Londra, Parigi, New York attraggono sempre un numero altissimo di visitatori e ora gli spettatori avranno modo di conoscere anche su grande schermo uno dei maestri del 21° secolo, l’artefice di opere iconiche come “A Bigger Splash” e “A Closer Grand Canyon”, ascoltando l’intervista all’artista a cura di Tim Marlow, Direttore Artistico della Royal Academy of Arts.

Hockneyavrà modo di raccontare il suo primo viaggio all’estero, in Egitto nel 1963, il dolore per la morte dell’amico Jonathan Silver e le tecniche innovative che sta abbracciando in questi anni, come disegni e video realizzati con l’iPad. Ad arricchire il percorso anche i pareri dei critici d’arte Martin Gayford e Jonathan Jones, e quelli di Edith Devaney (Senior Contemporary Curator della Royal Academy of Arts) che posò due volte per l’artista.

30 Gennaio proiezione dalle 18:15 alle 19:45 e dalle 20:00 alle 21:30
31 gennaio dalle 20:00 alle 21:30

Biglietto
intero 10
ridotto 8

Vintage in mostra: Selection alla Lepolda

Vintage Selection Leopolda

Pronti? Per tutti gli appassionati del vintage, della moda ma non solo, da mercoledì 24 a domenica 28 gennaio 2018 torna a Firenze la VintageSelection, ovviamente alla Stazione Leopolda.
“Mostra-Mercato” recita la dizione esatta, e l’evento in se è veramente interessante, chi vi parla è un fan della prima ora della manifestazione (durante le prime edizione non ne ho persa una) come del resto di tutto quello che è mercatino, second hand e vintage… La Selection è un vero spettacolo, ci sono dei pezzi davvero incredibili, non a caso è il punto di riferimento di chi crea moda e va a caccia di capi da rivisitare e reinterpretare. Anche i prezzi sono proporzionati alla ricercatezza, quindi non pensate di andare a svaligiare un mercatino. A volte forse è più “mostra” che “mercato”, in ogni caso la selezione e la qualità sono di ottimo livello.

Vintage Selection resto in ogni caso un grande polo attrattivo: appassionati e collezionisti, ma anche curiosi amanti del bello, fashion designer e creativi degli uffici stile delle più importanti aziende internazionali di moda che vengono a Firenze in cerca di idee, suggestioni e materiali per il loro lavoro.

Come sempre dalle 19 alle 21 (in orario happy hour) saranno previsti dj set ed esibizioni di ballo.

Ingresso 5,00 €

Bowland al Glue di Firenze

Bowland in concerto a Firenze

Bowland in concerto a Firenze

Sabato 27 gennaio una serata di grande musica al Glue di Firenze con BowLand
(dalle 22.30 in concerto) e aftershow di Ghiaccioli e Branzini djset.

BowLand (ITA/IR) arrivano sul palco freschi di Floating Trip, il primo album nato dal connubio di vite, esperienze e sonorità immagazzinate dal trio iran-italiano. Musica elettronica che integra strumenti acustici ed elettroacustici con una paletta sonora che unisce analogico e digitale in uno stesso progetto. L’arrivo è un progetto trasversale, che vive e si alimenta grazie a fonti artistiche diverse: le note, la voce, la grafica.
Tre ragazzi cresciuti in Iran guardando alle influenze occidentali, tre ragazzi che oggi vivono in Occidente e che proprio nel trip musicale intrapreso hanno deciso di andare a riscoprire anche il sound della propria terra. Una fra le tante ispirazioni per poi elevarsi altrove. Perché proprio Bowland è il nome del loro gruppo e Bowland in persiano significa“alto”.
Bowland è un’ascesi, una terra sognata e sognante dove i tre ragazzi sono arrivati senza pianificarlo. Quella terra gli è piaciuta e Floating trip è il desiderio di esplorarla.

ascolta >> https://bowland.bandcamp.com/releases

*****
Glue Alternative Concept Space
Viale Manfredo Fanti, 20, Firenze
http://www.gluefirenze.com/dove-siamo

Ingresso gratuito con tessera Glue/US Affrico
http://www.gluefirenze.com/tesseramento

Svalbard soviet era: Leica Exhibition

Leica exhibition - svalbard soviet era - foto di Clara Vannucci

Leica exhibition – svalbard soviet era – foto di Clara Vannucci

Svalbard Soviet Era di Clara Vannucci

Per gran parte del periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale,
i russi sono stati la nazionalità dominante nell’arcipelago delle Svalbard, isole situate a metà strada tra la terra norvegese e il Polo Nord, amministrate dalla Norvegia ma in realtà aperte allo sfruttamento minerario ai quaranta paesi che hanno firmato il trattato di Svalbard nel 1920.

Un tempo fiorente insediamento minerario, Pyramiden è stata quasi completamente abbandonata da quando è stata chiusa nel 1998. La cultura, l’architettura e la politica sovietica permeano la città, dagli edifici al busto di Lenin, la statua più settentrionale del mondo del rivoluzionario comunista.

La città fantasma ospita solo sei residenti che lavorano nell’unico hotel, solo pochi anni fa ha riaperto al turismo. Recentemente l’hotel è stato onorato dalla visita di un ospite speciale: un orso polare che è entrato nell’edificio rompendo una finestra e ha successivamente giocato con le bottiglie Wodka del bar.
Solo una delle decine di storie romaniche che pervadono questo avamposto bianco. Affascinante come le architetture abbandonate dell’insediamento delle miniere di carbone, è lo straordinario paesaggio polare che lo circonda. Scogliere coperte di metri di neve si riflettono nelle acque dei fiordi; una volta ogni tanto, trichechi solitari fanno la loro apparizione inaspettata dal ghiaccio, piccole macchie marroni in un paradiso artico altrimenti completamente bianco-blu

Inaugurazione venerdì 19 gennaio dalle 18:00 alle 20:00
Leica Store Firenze – Vicolo dell’Oro 12/14 Rosso, 50123 Firenze
www.claravannucci.com

Secret Vintage Market

Secret Vintage Market a FirenzeI mercatini vintage piacciono a tutti, ma questo è un evento unico. Una casa molto speciale aprirà le sue porte per accogliere amanti della moda, del design ma anche tanti curiosi. In vendita arredi, abiti, accessori e complementi d’arredo, tutto rigorosamente vintage… con qualche pezzo nuovo unico.

Appuntamento sabato 27 e domenica 28 gennaio a Firenze. Prendetevi un po’ di tempo per scoprire una location totalmente inedita in Oltrarno, facilmente raggiungibile ma fuori dal caos.

La smodata passione della padrona di casa per pezzi vintage unici e ricercati, renderà ancor più unica la visita. E non perdete l’occasione, ci sono solo questi due giorni a disposizone!

Orari: sabato 27 (12:00 – 19:30) e domenica 28 (12:00-18:00).

L’esatta location sarà svelata all’ultimo minuto. Se volete saperlo in anteprima registratevi su: http://bit.ly/restaggiornato
Qui l’evento FB: https://www.facebook.com/events/152756765503521/

Musicalismo urbano al Tasso

Dj set a Firenze

Dj set a Firenze

Col freddo c’è bisogno di colore, ritmo e calore. Ci pensano DNArt & BIGA che il 12 gennaio mettono in moto il lato bello del 2018 con una speciale selezione musicale dedicata al Musicalismo. Idee ed emozioni espresse in forme significative attraverso gli elementi del ritmo, della melodia, dell’armonia e del colore. … qualsiasi suono o suono dolce, gradevole o armonioso: la musica delle onde.

3 DJ con grande gusto e un enorme collezione di musica.

Aperitivo 20:00
DJ Set 22:30

Dalle 22:30 in poi l’ingresso sarà 10€ con consumazione.
Vi raccomandiamo pertanto di arrivare presto!

– Special Happy Birthday To Tarah!!!!

=============================================

– DNArt :

Combina le menti di due ragazzi diversi con la stessa passione e immagina di dimostrare su due giradischi. I dj di DNArt sono due fratelli, gemelli, che incorporano oltre due decenni di raccolte musicali.
I ragazzi, Luca e Francesco Gori, hanno iniziato la loro nuova passione collezionando vinile, scoprendo nuovi generi e suonando feste in tutta la regione solo per soddisfare il loro crescente desiderio di far ballare la gente. Il loro set varia da forti ritmi bassi di deep house, a disco, funk e Afrobeats.

_______________________________________________

– Biga :

Biga è un dj, produttore e collezionista di vinili di Firenze, Italia
Il suo stile è un misto di vecchio e nuovo, vintage e contemporaneo,
fortemente influenzato dall’anima moderna e contemporanea, dalla musica latina, afro e mondiale

For any booking inquiries:
marcellofarnoblt@gmail.com
https://soundcloud.com/bigaclimatico

Ri_Creazioni: pop in mostra al Pop

Ri_Creazioni: illustrazioni pop in mostra al Pop Cafe di Firenze

Ri_Creazioni: illustrazioni pop in mostra al Pop Cafe di Firenze

“Non ci sono problemi Jules. Penso io a questa puttanata. Torna là dentro e rassicura i ragazzi. E aspetta Wolf che arriverà per direttissima”.
Giovedì 11 gennaio arriva Wolf a risolvere tutti i problemi e, in contemporanea, arriva anche  l’inaugurazione di RI_CREAZIONI la mostra di Cecilia Tosques al Pop Café di Firenze.
Un titolo che ci riporta al concetto di doppie creazioni, come spiega Cecilia “Attraverso la riproduzione di un’opera d’arte si rivive il processo creativo dell’artista, ci si appropria di idee, di forme, di colori per poi trasformare e reinterpretare.
In tutti questi artisti (fra i miei preferiti) per ragioni che non mi so spiegare fino in fondo, ho percepito un modo tutto loro di entrare in contatto con il bambino interiore.
Se questo è evidente per artisti come Basquiat, Calder, Matisse e Gondry, la faccenda sembra più complicata per Hopper e Tarantino”.
Eppure Hopper con le sue atmosfere desolate può rimandare a un aspetto della solitudine dell’infanzia, mentre Tarantino, come si sa, nei suoi film cita immagini e temi presi dalla sua cultura pop appresa da piccolo.

“L’infanzia non è un tempo ma un ‘tempio’ cioè un luogo, ‘la camera dei giochi’”. A. Savinio.

LE OPERE RI_CREATE:
Henri Matisse, L’atelier rose (1911)
Alexander Calder, Gli acrobati del circo (1926 ca.)
Edward Hopper, Automat (1927)
Jean Michel Basquiat , Glenn (1984)
Quentin Tarantino, Pulp Fiction (1994)
Michel Gondry, Around the world – Daft Punk music video (1997)

CECILIA TOSQUES nasce a Firenze nel 1985 da madre fiorentina e padre newyorchese. Sin da piccola è affascinata dalla cultura pop alla quale si avvicina attraverso la televisione, i vecchi vinili del padre ed i libri della madre, in questo modo musica, film e storie alimentano sempre di più il suo immaginario. Il suo percorso di studi poi arricchisce le sue abilità artistiche ma anche culturali, passando dall’analisi grafica del disegno allo studio della storia della moda, dell’arte e dell’illustrazione. Nasce poi in lei l’esigenza di trovare una dimensione più intima e personale ed è così che inizia prima a produrre collages per poi evolversi nell’illustrazione.

Buona visione!
Dalle 19.00 al Pop Café in Santo Spirito